06.52831459 info@frarchistudio.it Via Emilio Greco, 23 Roma 00127

Storm in a Teacup

REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA SEDE PER UFFICI SOCIETA’ DI VIDEOGAMES

Il lotto di terreno si trova all'interno del Consorzio unitario Torrino Mezzocammino ed è identificato come subcomparto Z29A, nasce per allocare le cubature di proprietà di soggetti estremamente diversi tra di loro e che a loro volta posseggono numericamente e quantificatamene cubature tra loro anche moto diverse. La progettazione dello Z29 ha richiesto un notevole sforzo architettonico distributivo, atto alla creazione di un manufatto che coniugasse tutte le diversità e le omogenizzasse in un unico organismo architettonico.

Il progetto prevede la costruzione di n. 10 unità abitative, allocate su un totale di otto villini a schiera, due dei quali ospitano tipologia DUPLEX, che sono suddivise a seconda dei millesimi di proprietà di ognuno dei compartecipanti, e si differenziano in quattro tipologie diverse che tengono conto sia della cubatura edificabile per ogni proprietario, sia di diverse esigenze nella progettazione. L’insieme costituisce comunque un edificio omogeneo sia nell’aspetto che nelle finiture esterne.

Lo sforzo progettuale è stato “in primis” coniugare le esigenze di tutti i proprietari creando un edificio che soddisfacesse sia funzionalmente che esteticamente le necessità personali di ognuno.

Sono stati eseguiti, poi, studi approfonditi sull'utilizzo dei materiali, attraverso la modellazione tridimensionale. Come emerge dalla galleria fotografica, infatti, si è proceduto a trovare i colori, le forme, le geometrie grazie alla renderizzazione e a studiare i particolari che arricchissero il tutto.

Il progetto è stato redatto primariamente come progetto definitivo per mezzo del quale si è acquisito il titolo edificatorio, secondariamente si sono eseguite la progettazione esecutiva, costruttiva e tutte le fasi necessarie per la cantierizzazione dell'opera dal Capitolato speciale e prestazionale d'appalto, al Computo metrico estimativo che è stato posto a base di gara per la scelta dell'impresa costruttrice.

La Direzione dei Lavori è stata eseguita con grande attenzione sia dalle prime fasi dei getti di calcestruzzo, con un attento controllo e verifica di tutte le armature di sostegno, proseguendo poi con la scelta ed il successivo controllo dei materiali da utilizzare per la realizzazione dell'involucro esterno.

L'attento uso di materiali coibenti, dei cassonetti per gli avvolgibili interamente coibentati, ed una muratura che abbatte notevolmente le dispersioni termiche, di infissi con vetri basso emissivi, l'utilizzo di un tetto in legno lamellare ricoperto a sua volta di coibente termico, ed altri piccoli accorgimenti, hanno fatto si che l'edificio si classificasse in CLASSE A nella certificazione energetica.

L'obbiettivo è stato raggiunto attraverso lo sforzo delle diverse figure che hanno operato insieme: ingegneri per le strutture e per lo studio dell'involucro edilizio nonché per la progettazione impiantistica ed architetti per rendere omogeneo il lavoro degli altri professionisti e per la cura di dettaglio hanno fatto si che il prodotto finito risultasse di rilevante pregio architettonico.

Ogni singolo dettaglio è stato progettato all'interno del nostro studio: cancelli esterni e recinzioni, le pavimentazioni esterne bicolore con gres strutturato di colore nero e grigio, l'utilizzo delle pietre naturali per esterno e la coniugazione con materiali quali legno lamellare e cotto a mano. Il tutto coadiuvato dallo studio tridimensionale e la renderizzazione che rendeva veritiero cio che si andava a disegnare.

COSA ABBIAMO FATTO:

  • Studio di fattibilità per la verifica della fattibilità dell’opera attraverso l’applicazione della Legge sul Piano Casa
  • Progettazione del nuovo edificio
  • Pratiche edilizie per l'ottenimento del Titolo per la realizzazione mediante l’applicazione della L.R. n. 21/2009 “ Piano Casa”
  • Modellazione Tridimensionale e Rendering
  • Progettazione esecutiva strutturale e impiantistica
  • Computistica e supporto nella scelta dell’impresa realizzatrice

galleria